Firma anche tu! Iniziativa popolare di raccolta firme
per la candidatura di Giovanni Pesce
a Senatore a Vita della Repubblica.
Clicca qui per firmare anche tu.
 
     
 
 
     
 

L’infanzia in Francia. A 14 anni in miniera.
Da Visone (Alessandria) alla Grand'Combe (Francia).  
Giovanni Pesce nasce il 22 febbraio 1918 nel paesino di Visone, in provincia di Alessandria. Così come molti concittadini, dopo pochi anni la sua famiglia deve emigrare in Francia alla ricerca di un’occupazione e di una condizione migliore. Alla Grand’Combe, dopo avere frequentato le scuole elementari, inizia subito a lavorare per aiutare la famiglia. A 14 anni scende in miniera, dove coltiva il suo desiderio di indipendenza e il piacere di condividere la fatica con gli altri lavoratori. Intanto, aderisce giovanissimo al partito comunista, di cui diviene segretario della sezione giovanile.
La guerra di Spagna. Le brigate internazionali.
In divisa da garibaldino in Spagna.  
A Parigi per festeggiare la vittoria del Fronte Popolare, ascolta un discorso della «pasionaria» Dolores Ibarruri e decide di arruolarsi nelle Brigate Internazionali che nella Guerra civile spagnola sostengono il regime democratico contro i fascisti di Franco. A soli 17 anni, è uno dei più giovani combattenti italiani, inquadrato nella brigata Garibaldi. Ferito tre volte, sul fronte di Saragozza, nella battaglia di Brunete e al passaggio dell’Ebro, porta ancora nel corpo le schegge della ferita più grave.
Il rientro in Italia. Il confino a Ventotene.
Dedica alla madre inviata dal confino.  
Rientrato in Italia nel 1940, presto viene arrestato per il suo antifascismo e, dopo un anno di reclusione, viene inviato al confino a Ventotene. È il primo garibaldino a raccontare le vicende della guerra civile spagnola ai dirigenti comunisti detenuti sull’isola. Lì, grazie alla collaborazione degli altri compagni, migliora la sua conoscenza della lingua e della letteratura italiana, ma soprattutto arricchisce la sua formazione civile e politica.
La Resistenza. I GAP a Torino e a Milano.
Insurrezione a Milano il 28 aprile 1945.  
Nel settembre del 1943 è tra gli organizzatori dei Gruppi di Azione Patriottica (GAP) a Torino. Nel maggio successivo è a Milano - dove conosce la partigiana Onorina «Sandra» Brambilla, sua futura moglie - e assume sino alla Liberazione il comando del 3° Gap «Rubini». Protagonista della Liberazione a Milano, il Comandante «Visone» (questo il suo leggendario nome di battaglia) si distingue per la determinazione e l’audacia con la quale combatte il nemico nazi-fascista. Il 25 aprile 1947 viene insignito della Medaglia d’oro al Valor Militare.
Dopo la Liberazione. L’attività politica e istituzionale.
A Milano davanti al Pirellone.  
Dopo la guerra, Giovanni Pesce continua la sua dedizione alla costruzione della democrazia in Italia attraverso diversi impegni politici, civili, istituzionali. È membro del Consiglio nazionale dell’A.N.P.I. fin dalla sua costituzione; presidente dell’Associazione dei combattenti volontari antifascisti di Spagna; consigliere di amministrazione della casa di cura «Macedonio Melloni». Dopo l’attentato a Togliatti del 1948 è responsabile della Commissione di vigilanza dei maggiori dirigenti comunisti. Dal 1953 è consigliere comunale a Milano per oltre un decennio.
Una vita di impegno.
Manifestazione del 25 Aprile 2004.  
Ha continuato la sua attività politica con la stessa determinazione. Ha scritto libri di memoria, saggi, articoli per giornali. È stato iscritto al Partito della Rifondazione Comunista, dove ha continuato a partecipare all’attività e al dibattito con la sua saggezza e esperienza.

Giovanni Pesce è morto a Milano il 27 luglio 2007, all'età di 89 anni.

» La pagina di Wikipedia dedicata a Giovanni Pesce.